Blog: http://terzostato.ilcannocchiale.it

La mala educación

Che in Italia la scuola versi in uno stato comatoso, èahimè risaputo. Che fra gli insegnamenti impartiti dalla scuola dell'obbligo,l'educazione musicale sia una cenerentola, meno importante dell'ora direligione in cui di solito si fanno barchette di carta e si inventano nuoveparolacce, credo sia noto a tutti coloro che hanno avuto la fortuna difrequentarla. In questa situazione deprimente, ognuno si fa la propria culturamusicale, in maniera disordinata, bulimica, monomaniacale. Immaginate adesempio un medico che sa dirvi tutto delle isole di Langerhans ma ignora se ilcuore sia a destra o a sinistra, o un matematico che vi spiega per filo e persegno i due teoremi di incompletezza di Gödel ma non sa risolvereun'equazione di primo grado, o l'istruttore di una palestra che vi insegnacos'è il coefficiente Sinclair e non sa distinguere fra un muscolo e un'erniainguinale. Questi esempi danno un quadro sufficientemente esatto della culturamusicale fai da te dell'italiana/o media/o, soprattutto se naviga su internet esi reca regolarmente ai concerti di band emergenti. Di fronte a questapseudocultura, che giova ricordare non riguarda soltanto la musica, l'ignoranza ammessa è di gran lunga preferibile. Un esempio frai tanti l'ho trovato su un blog in cui un visitatore scriveva testualmentequesto:

 

bellachiavica scrive:

"giompi-fighetto,per ringraziarti del puntelloprocuratomi con la fascinosa rodolfa vorrei rifornirti di musicaital-prog…tanto più che proprio ieri sera ho accattato, da carù (miracolo: suinternet era quello che li vendeva al prezzo più basso), i 6 boxoni dellauniversal“Progressive Italia – Gli Anni ‘70?,e sono 6 box da 6, cioè 36rarissimi ex-LP (è roba dei ‘70, per cui sono corti, anche se la maggior partedei brani sono a suite, cioè kilometrici…) di- Maurizio Arcieri- Balletto diBronzo- De De Lind- Tony Esposito- Maurizio Fabrizio- Ibis (2 LP)- Jumbo (3 LP,anche se “vietato ai minori di 16 anni” l’avevo già)- Latte e Miele (2 LP)-Locanda delle Fate- Madrugada (2 LP, malgrado il nome ispanico, sono dibirghem, ignoro se “de hura”, o “de hota”)- Mauro Pelosi (4 LP)- Sensation’sFix (6 LP)e altri 11….senonché ho realizzato che duplicare ciascun albumcosterebbe +/- quanto accattarlo nuovo…e non mi pare una bella pensata… anzi,mi pare proprio ‘na strunzata, che manco vero tùl….per cui, non potendo io contraccambiarela tua cortesia, sono costretto a disdettare l’appuntamento galante con l’amicatutta curve di marimba…ma tra due minuti inizierà la partita tra rescaldinese eaffragola (serie F), per cui lei troverà li stesso da passare il tempo….come ditevoi? ah sì… “sorri…”

 

Pochi minuti prima

bellachiavica scrive:

"pyccius,di “suburbs” degli arcade fire io avevoascoltato qualche brano per pochi secondi cad.,e l’impressione era che fosse undisco piacevole, soprattutto se rapportato alla desolazione discografica diquesti tempi grigi…però, se un critico del calibro di marco denti dice chestikkuì scopiazzano a destra e a manca il modo di suonare (cioè di usare i varistrumenti) e cantare (chennesapev’io che imitavano bitols e radiohead? ecchi liha mai ascoltati i bitols e i radiohead? rappresentano tutto ciò che aborro,dei brit…), gli si deve dare credito….in più, proprio ieri sera, da carù, hosentito una specie di neil young di 35 anni fa suonare una canzone di neilyoung di 40 anni fa, e quando ho chiesto chi cacchio fosse/fossero, mi è statorisposto“è l’ultimo albumino degli arcade… questo”, e il dischetto mostratomiera uguale al mio…..riassumo: se ascolti sti arcade sembra di sentire, di voltain volta, i bitols, i radiohead, neil young, più volte i low anthem (che non sochi siano!)….mi chiedo: quando, in quali brani (che poi sono solo 16, e almenouna decina di posti sono già occupati da “cover di fatto”, per cui lo spaziorestante è limitato…), sembrerà finalmente di sentire “i veri” arcade fire"

 

Leggendo con qualche fatica questi capolavori, credo cheil nickname scelto da chi li ha lasciati sia del tutto appropriato. Ma ho ilforte sospetto che non valga soltanto per lui (o per lei?), bensì per tutta lapseudocultura musicale di cui questi commenti non rappresentano che la punta,per quanto fulgida, di un iceberg: una bella chiavica.


Pubblicato il 6/9/2010 alle 17.29 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web